Il reflusso gastroesofageo: tutto quello che c’è da sapere

Il reflusso gastroesofageo (RG) è un disturbo molto comune che causa una fastidiosa sensazione di bruciore dietro lo sterno, conosciuta come pirosi e si verifica quando i succhi gastrici dallo stomaco risalgono nell’esofago.

Reflusso gastroesofageo
Tra gli altri sintomi causati dal reflusso citiamo: il rigurgito acido (risalita di cibo o succhi gastrici in bocca), dolore toracico, nausea, tosse, asma, difficoltà a deglutire e laringite.

Il reflusso può essere di due tipi:

  • Reflusso gastroesofageo occasionale: si verifica di tanto in tanto e non causa gravi problemi.
  • Malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE): si tratta di un reflusso frequente e grave che può portare, in casi rari, a complicazioni come esofagite (infiammazione dell’esofago), ulcere esofagee e restringimento dell’esofago.

Le cause

Il reflusso è causato da un malfunzionamento della valvola esofagogastrica (cardias), che si trova tra l’esofago e lo stomaco. Normalmente, questa valvola si chiude dopo il passaggio del cibo dallo stomaco all’esofago, impedendo il reflusso del contenuto gastrico. Se la valvola si indebolisce o si apre in modo inappropriato, i succhi gastrici possono risalire, causando proprio il reflusso.

Il rischio di soffrire di reflusso gastroesofageo può essere, in parte ereditario, ma ci sono diversi fattori che possono aumentare la probabilità che il fenomeno si verifichi, a prescindere dalla familiarità con il disturbo.
L’obesità, il fumo, l’assunzione di alcuni farmaci, una dieta ricca di grassi, cibi piccanti o cioccolato, il consumo di bevande alcoliche sono fattori che possono aumentarne il rischio, così come la gravidanza o l’ernia iatale (una condizione in cui la parte superiore dello stomaco fuoriesce dal diaframma e entra nella cavità toracica).

Come si cura il reflusso gastroesofageo?

Nella maggior parte dei casi, il reflusso gastroesofageo può essere gestito con modifiche dello stile di vita e farmaci.

I nostri esperti consigliano di:

  • Perdere peso in caso di sovrappeso o obesità
  • Evitare di mangiare pasti particolarmente abbondanti e poco digeribili
  • Mangiare lentamente e masticare bene
  • Evitare di sdraiarsi subito dopo i pasti
  • Elevare la testa del letto di almeno 15 cm
  • Limitare o smettere completamente di fumare
  • Limitare il consumo di alcol e bevande gassate
  • Evitare cibi piccanti, grassi o cioccolato

Se le modifiche dello stile di vita non sono sufficienti, si possono eventualmente assumere farmaci per ridurre la produzione di acido gastrico o per aiutare la valvola esofagogastrica a funzionare correttamente.

In ogni caso, è importante consultare un medico o il proprio farmacista di fiducia se si soffre di reflusso gastroesofageo frequente o grave, in quanto può portare a complicazioni.